Cura dell'alitosi - STUDIO DENTISTA GENOVA PICCARDO IMPLANTOLOGIA ORTODONZIA GENOVA

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cura dell'alitosi

Alitosi 5

Rimedi sintomatici per l'alitosi:
L'attenuazione dell'alitosi può ottenersi con rimedi sintomatici, che si rivolgono direttamente contro il cattivo odore dell'alito senza influire sulle cause. Tra i rimedi popolari per profumare l'alito c'è la masticazione di erbe aromatiche come prezzemolo, salvia o basilico o l'assunzione di prodotti a base di clorofilla.
Alcune persone affette da alitosi assumono di frequente caramelle alla menta o sciacquano ripetutamente la bocca con collutori. Tali abitudini non sono in grado di risolvere a lungo il problema dell'alito cattivo, possono camuffarlo temporaneamente ma dopo pochi minuti il maleodore si ripresenta.

Cure eziologiche:
Per la sua eliminazione definitiva, invece, ci si deve orientare verso le cure eziologiche, che mirano a rimuovere le malattie fondamentali di cui l'alito cattivo è solo un sintomo. Nei casi più frequenti di alitosi, quelli di pertinenza odontostomatologica, si consigliano le manovre di igiene orale più adeguate e, soprattutto, si trattano le patologie dentali e parodontali presenti, per ripristinare quel grado di salute orale che normalmente si sposa con un alito gradevole. A tal fine è bene che si prenda l’abitudine di spazzolare con delicatezza anche la lingua, in particolare il dorso, riducendo così del 50% la produzione dei composti volatili solforati.

Linee guida di trattamento:
Il trattamento dell'alitosi fisiologica si attua educando il paziente a prendersi cura personalmente della  qualità dell'alito. Lo si istruisce sulle norme di comportamento da adottare per annullare o almeno ridurre al minimo il problema, sulla maniera più appropriata di pulizia del dorso della lingua e sull'uso del filo interdentale. In alcuni pazienti può essere necessario rinforzare le prescrizioni sull'igiene orale meccanica con un appropriato controllo chimico della placca batterica, attraverso sciacqui con specifici collutori e l'uso di dentifrici con provata attività antibatterica.

Nell'alitosi persistente, oltre ad istruire il paziente sulle corrette norme d'igienie orale, come per l'alitosi fisiologica, va curata la specifica patologia che la determina. In particolare saranno trattati i danni parodontali, le carie dentarie e i restauri difettosi.

Nel caso sia presente maleodore orale che non ha origine dal cavo orale il paziente deve essere riferito ad altri specialisti.

Se il problema è di natura psicologica andrà spiegato chiaramente il risultato negativo degli accertamenti diagnostici. Come è fondamentale in quei casi in cui, al contrario, il paziente è stato accompagnato a visita da un parente ed è personalmente convinto di non avere alcun disturbo.

Il paziente alitofobico e quello che dopo la terapia crede di essere ancora affetto dal disturbo necessitano di assistenza psicologica, e andranno pertanto riferiti ad uno psicologo.

Pulizia della Lingua:
Per risolvere il problema dell'alitosi in molti casi è sufficiente spazzolare accuratamente oltre che denti e gengive il dorso della lingua, una zona della bocca che facilmente trattiene detriti organici e che pertanto può essere colonizzata dai batteri che producono composti volatili solforati la cui putrefazione libera sostanze chimiche, solfato d'idrogeno e metilmercaptano, direttamente collegate al maleodore orale. Tra l'altro è stato ipotizzato che i microrganismi che proliferano in tali residui siano responsabili di carie e parodontopatie.
Spazzolare delicatamente il dorso della lingua con un normale spazzolino da denti, o meglio ancora con appositi strumenti pulisci lingua, funziona bene nell'eliminare i residui alimentari e i batteri che li colonizzano, potendo prevenire oltre che l'alito cattivo anche le carie dentarie e le parodontopatie.
Un pulisci lingua professionale funziona più efficacemente dello spazzolino da denti nel rimuovere la placca batterica dal dorso della lingua.

Collutori:
Esistono collutori che temporaneamente eliminano o riducono l'alito cattivo. Il collutorio non cura però la causa dell'alitosi. In presenza di alitosi persistente da cause di provenienza dal cavo orale, refrattaria all'igiene orale, se usato senza altri interventi, come strumento di automedicazione, è poco più di un rimedio sintomatico e il suo effetto tende a svanire in poco tempo. Può invece essere estremamente efficace come coadiuvante delle terapie mirate parodontali.

In alcuni studi è stato dimostrato che i collutori che contengono zinco o bicarbonato sono in grado di decomporre i composti solforosi che causano l'alitosi.
L’introduzione dell’uso di un collutorio contenente Clorexidina e Cetilpiridinocloruro poi, si può rivelare un ottimo strumento per l’ulteriore riduzione della carica batterica e per il ripristino delle condizioni di salute nel cavo orale in corso di terapia parodontale.

Occorre tenere presente che siccome molti collutori contengono alcool possono produrre una maggiore secchezza della bocca, condizione che facilita la riproduzione dei germi anaerobi responsabili della produzione delle sostanze volatili responsabili dell'alitosi. Il loro uso è pertanto sconsigliato.

Cura alitosi

SE TI PIACE QUESTA PAGINA CONDIVIDILA QUI







Dott. Uberto Piccardo Titolare di Dentista Genova Via Maragliano 5 Genova, IT 16121,Tel. 0105959492



Alta professionalità, informazioni sempre oggiornate, prestazioni odontoiatrice nelle più innovative tecnologie, prezzi implantologia - protesi contenuti, consulenza on-line , preventivi implantologia protesi gratuiti. Siamo infatti presenti sul web scrivendo parole ricerca generiche per tutto territorio nazionale come dentisti , dentisti studi , implantologia , studio dentistico , odontoiatra dentistico , protesi , ortodonzia dentistico , o territorialmente specifiche come dentisti a Genova, dentisti implantologia , studio dentisti genova , protesi dentisti genova , studio dentistico dentisti , implantologia dentale genova , dentisti liguria , dentisti genova

Privacy Policy
Torna ai contenuti | Torna al menu